Il patrimonio mondiale dell’UNESCO
Alpi Svizzere Jungfrau-Aletsch

Gli imponenti paesaggi montani di Eiger, Mönch e Jungfrau, il grande ghiacciaio dell’Aletsch con la spettacolare foresta dell’Aletsch e i suoi larici e pini cembri secolari, gli antichi paesaggi culturali della valle Baltschiedertal e la steppa rocciosa vallesana attorno al Bietschhorn – tutto ciò fa parte di un paesaggio particolare per la sua varietà e la sua bellezza e che dal 2001 costituisce il primo patrimonio naturale mondiale dell’Unesco della Svizzera.

 

Il 13 dicembre del 2011 il Comitato del patrimonio mondiale dell'UNESCO ha approvato l’ammissione della più grande regione dei ghiacciai delle Alpi nella lista del «patrimonio mondiale dell’UNESCO».

Criteri di ammissione

L’area è stata premiata per i seguenti criteri:

 

  • Costituisce un eccezionale esempio della formazione delle Alpi
  • Offre una grande varietà di fenomeni e processi naturali
  • Rappresenta una straordinaria bellezza naturale

 

Perimetro e ampliamento

L’area, che nel 2011 è stata inclusa nel patrimonio mondiale dell’UNESCO, comprendeva allora una superficie di 539 chilometri quadrati. Il 28 giugno del 2007, data dell’ampliamento del perimetro da parte del Comitato del patrimonio mondiale, l'area del patrimonio è stata ingrandita di 285 chilometri quadrati arrivando a raggiungere l’imponente grandezza di 824 chilometri quadrati. La regione ora si estende dal Grimsel ad est fino al gruppo del Blümsilalp e del Doldenhorn ad ovest.